Le prospettive sono cupe – Economista sanitario

Sulla base di alcuni rapporti recenti, le finanze ospedaliere nel 2022 sembrano scarse. Le infusioni di denaro contante del governo da COVID-19 sono state utili durante la pandemia, ma sono in gran parte scomparse. Allo stesso tempo, sono aumentati i costi della manodopera e delle forniture. A queste pressioni finanziarie si aggiunge il recente aumento del numero di casi di RSV.

Secondo un rapporto dell’American Hospital Association, i margini ospedalieri sono diminuiti del 37% rispetto ai livelli pre-pandemia (2019). Inoltre, si prevede che oltre la metà degli ospedali avrà margini negativi.

Anche gli ospedali rurali sono in difficoltà. Un rapporto del Center for Healthcare Quality & Payment Reform (Miller 2020) ha rilevato che molti ospedali rurali sono in difficoltà finanziarie. Più di 800 ospedali rurali – il 40% di tutti gli ospedali rurali del Paese – rischiano di chiudere nel prossimo futuro. Parte del motivo è che gli ospedali rurali sono spesso di dimensioni inferiori a causa della ridotta densità di popolazione nelle aree rurali. Il rapporto rileva:

Il costo medio di una visita al pronto soccorso, una giornata di ricovero, un test di laboratorio, uno studio di imaging e una visita di assistenza primaria è intrinsecamente più elevato nei piccoli ospedali e cliniche rurali che negli ospedali più grandi perché è necessario un livello minimo di personale e attrezzature per fornire ciascuno dei questi servizi indipendentemente dal numero di pazienti che devono usufruirne. Ad esempio, un pronto soccorso ospedaliero deve avere almeno un medico disponibile 24 ore su 24 per rispondere a infortuni ed emergenze mediche in modo rapido ed efficace, indipendentemente dal numero di pazienti che si recano effettivamente al pronto soccorso. Una comunità più piccola avrà meno visite al pronto soccorso, ma il costo della capacità in standby del pronto soccorso sarà lo stesso, quindi il costo medio per visita sarà più alto.

Non sorprende che i margini ospedalieri siano generalmente più bassi negli ospedali più piccoli.

In che modo è probabile che gli ospedali rispondano a questi vincoli finanziari? Sulla base di un articolo di Robinson et al. (2011), la risposta probabilmente dipende dalla specifica struttura di mercato in cui ricade l’ospedale.

…di fronte a carenze tra pagamenti Medicare e costi previsti, gli ospedali nei mercati concentrati si concentrano sull’aumento dei prezzi per gli assicuratori privati, mentre gli ospedali nei mercati competitivi si concentrano sulla riduzione dei costi…

I responsabili politici potrebbero dover camminare sul filo del rasoio attorno al controllo dei costi e al trasferimento dei costi ai contribuenti privati.

La politica pubblica cerca sia di limitare la spesa Medicare sia di incoraggiare il coordinamento dei fornitori. Se queste due strategie portino a un abbassamento delle tendenze dei costi complessivi oa un’accelerazione del passaggio dei costi dagli assicuratori pubblici a quelli privati ​​è la questione che rimane aperta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *