Risolvere questo enigma in 12 secondi è difficile, la scienza spiega perché

Riuscirai a risolvere questo fiorente rompicapo in meno di 12 secondi? C’è la scienza dietro il motivo per cui potresti essere in difficoltà

La primavera è nell’aria ed è anche il tema di un fiorente rompicapo che sta lasciando i giocatori a grattarsi la testa.

Il complicato puzzle mostra un mare di fiori rosa e viola, insieme a una piccola borsetta nascosta.

Progettato dal rivenditore di moda con sede nel Regno Unito Quiz, sfida gli spettatori a trovare la borsa più velocemente del record di 12 secondi.

Provalo qui sotto e facci sapere nei commenti come te la sei cavata!

Un rompicapo in fiore sfida il pubblico a individuare una borsetta nascosta nel mare di fiori colorati, ma anche a farlo in meno di 12 secondi

‘Ancora non del tutto risolto il fiorente rompicapo? Ecco un indizio … pensa in rosa ‘, ha detto Quiz.

C’è la scienza dietro il motivo per cui potresti avere difficoltà a individuare la borsetta.

Gli scienziati dell’Università di Washington Health Sciences hanno condotto una ricerca per scoprire come funziona il cervello quando scopre le forme, da quelle che sono completamente visibili a quelle che sono per lo più nascoste.

Gli studi sui segnali generati dal cervello stanno aiutando a riempire il quadro di ciò che accade quando si cerca di riconoscere le forme.

Tale ricerca sta anche mostrando perché i tentativi non sono riusciti a replicare meccanicamente la capacità degli esseri umani di identificare oggetti parzialmente nascosti.

Il team ha utilizzato un gioco per computer in uno studio, in cui i giocatori possono determinare se due forme sono simili o diverse.

Una risposta corretta vince una sorpresa. Man mano che i punti iniziano ad apparire sulle forme, il compito diventa più difficile.

Durante la parte facile, il cervello emetteva segnali in parti della corteccia visiva associate alla vista.

E i neuroni hanno risposto più fortemente alle forme visibili.

Quanto ci hai messo a vedere la borsetta?  Fateci sapere nei commenti

Quanto ci hai messo a vedere la borsetta? Fateci sapere nei commenti

Mentre le forme erano coperte da punti, il team ha visto i neuroni attivarsi in aree associate alla memoria e alla pianificazione: la corteccia prefrontale ventrolaterale.

“I ricercatori hanno anche osservato che molti dei neuroni nella corteccia visiva avevano due picchi di risposta rapidi”, ha condiviso il team in una dichiarazione.

Il secondo si è verificato dopo l’inizio della risposta nella sezione pensante del cervello. Questo sembrava migliorare la risposta dei neuroni nella corteccia visiva alle forme parzialmente nascoste.

I risultati, secondo la ricercatrice senior Anitha Pasupathy, suggeriscono come i segnali provenienti dalle due diverse aree del cervello – pensiero e visione – potrebbero interagire per aiutare a riconoscere forme che non sono completamente visibili.

Le ricerche ritengono che altre regioni del cervello, oltre a quelle studiate, possano partecipare al riconoscimento degli oggetti.

“Non sono solo le informazioni che fluiscono dagli occhi nella posizione sensoriale del cervello che è importante sapere cos’è una forma quando è parzialmente coperta”, ha detto Pasupathy.

Anche il feedback da altre regioni del cervello aiuta a fare questa determinazione.’

Affidarsi solo all’immagine di un oggetto che appare sulla retina dell’occhio rende difficile capire cosa sia, perché quell’immagine potrebbe avere molte interpretazioni.

Ed è per questo che la borsetta rosa sembra fondersi con i fiori colorati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *