Bombardieri strategici statunitensi B-1B in esercitazioni con la Corea del Sud lo stesso giorno del lancio del missile nordcoreano


Tokyo, Giappone
Cnn

I bombardieri strategici statunitensi hanno preso parte a esercitazioni aeree congiunte con le forze sudcoreane domenica, lo stesso giorno in cui la Corea del Nord ha effettuato un sospetto test missilistico balistico, secondo l’esercito sudcoreano.

L’esercitazione comprendeva bombardieri strategici B-1B statunitensi, caccia stealth F-35A dell’aeronautica sudcoreana e caccia F-16 dell’aeronautica americana, e faceva parte dell’esercitazione congiunta Freedom Shield, hanno detto i militari in un comunicato stampa.

La notizia dell’esercitazione è arrivata lo stesso giorno in cui la Corea del Nord ha lanciato un sospetto missile balistico nel mare tra la penisola coreana e il Giappone, poco dopo le 11:00 ora locale, secondo il ministero della Difesa giapponese e l’esercito sudcoreano.

Tuttavia, il ministero della Difesa sudcoreano non confermerebbe se l’esercitazione aerea con i bombardieri statunitensi sia avvenuta prima o dopo il lancio del missile.

“L’alleanza Corea del Sud-USA mantiene la posizione di difesa meglio combinata di fronte alla continua instabilità regionale della Corea del Nord”, ha affermato l’esercito sudcoreano nel suo comunicato stampa.

“Andando avanti, realizzeremo ‘la pace attraverso la forza’ e miglioreremo la credibilità della deterrenza estesa degli Stati Uniti sulla base delle solide capacità e della posizione dell’alleanza”, ha aggiunto.

Il sospetto missile balistico lanciato domenica dalla Corea del Nord ha raggiunto un’altitudine massima di circa 50 km (31 miglia) e ha volato per una distanza di circa 800 km (497 miglia), secondo il ministero della Difesa giapponese. È stato sparato dall’area di Dongchang-ri nella provincia di North Pyongan in Corea del Nord ed è atterrato nel mare tra la penisola coreana e il Giappone, secondo l’esercito sudcoreano.

Dopo che il missile è atterrato, la Guardia Costiera giapponese ha avvertito tutte le navi di attendere ulteriori informazioni; non avvicinarsi agli oggetti caduti; e segnalare qualsiasi cosa sospetta.

Il Joint Chiefs of Staff (JCS) della Corea del Sud ha affermato che i militari hanno rafforzato la sorveglianza e la vigilanza in preparazione di ulteriori lanci “mantenendo una posizione di piena prontezza attraverso una stretta cooperazione con gli Stati Uniti”.

La Corea del Nord spesso risponde a quelle che considera “provocazioni” da parte degli Stati Uniti con minacce bellicose. Il suo leader Kim Jong Un ha accusato Stati Uniti e Corea del Sud di aumentare le tensioni con le sue esercitazioni militari congiunte.

L’ultimo lancio segue una raffica di test missilistici da parte della Corea del Nord, tra cui uno di un missile balistico a lungo raggio giovedì, quando i leader della Corea del Sud e del Giappone si sono incontrati a Tokyo, e il lancio di due missili da crociera da un sottomarino e due missili balistici a corto raggio giorni prima.

Sia il governo giapponese che quello sudcoreano hanno condannato fermamente il lancio missilistico di domenica, che hanno definito una “chiara violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”.

I ripetuti lanci di Pyongyang “minacciano la pace e la sicurezza del Giappone, della regione e della comunità internazionale”, ha dichiarato il ministero della Difesa giapponese in una nota.

Le esercitazioni militari congiunte di primavera tra Stati Uniti e Corea del Sud sono i più grandi giochi di guerra che gli alleati abbiano organizzato in cinque anni.

In vista delle esercitazioni di 11 giorni del Freedom Shield, la Corea del Nord aveva minacciato di intraprendere “la più dura reazione contro i complotti più feroci degli Stati Uniti e dei suoi seguaci”.

Sabato, la Corea del Nord ha affermato che circa 800.000 dei suoi cittadini si erano offerti volontari per unirsi o arruolarsi nuovamente nell’esercito della nazione per combattere contro gli Stati Uniti.

Il quotidiano di stato Rodong Sinmun ha riferito sabato che circa 800.000 studenti e lavoratori in tutto il paese hanno espresso solo venerdì il desiderio di arruolarsi o arruolarsi nuovamente nell’esercito per contrastare gli Stati Uniti.

Gli esperti affermano che oltre alle esercitazioni militari congiunte e all’incontro di questa settimana tra il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol e il leader giapponese Fumio Kishida, Pyongyang ha contestato il piano del presidente americano Joe Biden di ospitare Yoon e sua moglie alla Casa Bianca il mese prossimo .

La visita di stato sarà la seconda della presidenza di Biden, sottolineando gli stretti legami tra Stati Uniti e Corea del Sud, e si svolgerà il 26 aprile. Il conservatore Yoon e la sua amministrazione hanno fatto del rafforzamento dell’alleanza USA-Corea del Sud una priorità chiave della politica estera. Biden, allo stesso modo, ha cercato di coltivare la relazione, anche con il segno simbolico del suo viaggio a Seoul nel maggio 2022, la sua prima tappa del suo viaggio inaugurale in Asia come presidente.

Leif-Eric Easley, professore alla Ewha Womans University di Seoul, ha recentemente dichiarato alla CNN che in risposta alle esercitazioni e ai vertici, Pyongyang potrebbe “ordinare il lancio di missili a lungo raggio, tentare il lancio di un satellite spia, dimostrare un motore a combustibile solido, e forse anche condurre un test nucleare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *